Ci sono le notoriamente dense, contaminate, maleodoranti e caotiche stazioni di autobus o treni dove ognuno è perso nel proprio mondo cellulare o nel labirinto di piattaforme, sottopassaggi, biglietterie, macchinette e negozi.

Questo “Nostro” fantasmagorico mondo è fatto e costituito da luoghi fisici strabilianti e dissonanti. 

C’è la meravigliosa campagna poco abitata dove i suoni e i colori sono rarefatti così come lo sono i pochi, intimi ed “erratici” umani che la abitano.

Ci sono le notoriamente dense, contaminate, maleodoranti e caotiche stazioni di autobus o treni dove ognuno è perso nel proprio mondo cellulare o nel labirinto di piattaforme, sottopassaggi, biglietterie, macchinette e negozi.

Ci sono le vaste aree impervie, desertiche, ghiacciate o montagnose dove gli esseri umani che con affanno vi si avventurano sembrano rare mosche bianche.

Ci sono poi le sacche cittadine, rumorose, normalmente sporche e sovrappopolate dove le rare mosche bianche sono gli esseri non umani.

Ci sono gli oceani, ancora immensi e profondi da far quasi paura.

Ci sono gli abitacoli delle auto dove ognuno è “Dio”.

Ci sono gli Stadi, dove il cervello è all’ammasso.

Ci sono gli zoo, ahimè!!!

Ci sono gli aeroporti, dove moltitudini di “volatili” umani frenetici e schizzati perdono l’ultima occasione di assaporare qualche ora “per aria”.

Ma questo “Nostro” fantasmagorico mondo è fatto e costituito anche da luoghi ideali, surreali, pseudo-reali, realistici, fantastici e dissonanti.

Ci sono quindi le zone mentali, dove l’inferno e il paradiso sovrappongono i confini.

Ci sono le zone d’ombra dove “chi spara per primo non è detto che sopravviva”.

Ci sono le Yoga Shala… dove non si sa “chi è chi”, e “dov’è ”.

Ci sono poi le zone della consapevolezza...

Ci sono le zone dove “Chi c’è, c’è, e Chi non c’è, non c’è!”…e poi il nulla…

…e poi ce ne sono altre…

Blessings





Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Informativa estesaAccetto