Inverosimilmente e tristemente, sembra che la popolarità della “disciplina”, invece che di elevarne il livello di coscienza ed edificare gli individui, li abbia mantenuti appiattiti come in precedenza.

È risaputo che tutto cambia e sempre più rapidamente nella società di oggigiorno.
Anche nel mondo dello Yoga le cose cambiano, specialmente nella presente fase “moderna” la cui popolarità e facile accesso ne ha “massificato” i contenuti e, ahimè, anche coloro che si assumono il compito di insegnarla.

Inverosimilmente e tristemente, sembra che la popolarità della “disciplina”, invece che di elevarne il livello di coscienza ed edificare gli individui, li abbia mantenuti appiattiti come in precedenza e che le centinaia di “Insegnanti di Yoga” diventati tali da un giorno all’altro, senza un vero e proprio percorso “spirituale”, non abbiano fatto altro che implementare e contribuire all’incoscienza dilagante.

Come “insegnante” di Yoga mi chiedo: cercherò di continuare a insegnare onestamente o cercherò di vendere “aria fritta” per competere con il mercato?
Dal mio punto di vista, Yoga e onestà vanno di pari passo per cui le alternative non sono molte.
Una è di fare la “puttana”, almeno una delle cose più “oneste” nel lato oscuro della luna.
Un’altra è di fare il rappresentante dei nuovi Burghers McDonald's (Trump) spacciandoli come salutari e facendo buon viso a cattivo gioco e probabilmente guadagnando di più.
Un’altra sarebbe di darmi alla Politica dove tutti vendono aria fritta per cui il terreno di gioco è per lo meno chiaro fin dall’inizio.
La “Quarta Via” è forse la diplomazia, una botta al cerchio e una alla botte.
La quinta è di ritirarmi a fare il contadino o il pastore, piante, pecore e poche palle!

L’ultima (a me piace ballare) è di continuare il ballo e trovare qualcuno con cui muovermi in sintonia… alle pecore ci si può sempre pensare!

Invito tutti a pensarci, anzi, a ballare!




Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Informativa estesaAccetto