Posso affermare con certezza che l’Islam ed i miei personali valori sono assolutamente inconciliabili. I vostri personali?

La “sparata” più dibattuta della giornata è quella di Salvini che afferma appunto che l’Islam non è compatibile con i nostri valori. Premetto che la parola “intelligente” e Salvini nella stessa frase sono per me un assurdo. Però i politici, soprattutto vicino alle elezioni, sono abituati a spararne così tante che anche solo per una legge statistica ogni tanto rischiano persino di dire qualcosa che mi trova d’accordo.

Posso affermare con certezza che l’Islam ed i miei personali valori sono assolutamente inconciliabili. I vostri personali? Aggiungo che purtroppo buona parte dei migranti sono portatori di una cultura, spesso Islamica ma non solo, che non arricchisce ma ci riporta indietro al medioevo. Aggiungo che buona parte di coloro che non vedono il problema sono ciechi e per lo più vivono in condizioni agiate e privilegiate e si possono permettere di fare i buonisti perché al momento il problema li sfiora appena. Ovviamente i primi oppressi dall’Islam sono gli islamici e per inciso "no grazie" preferirei non averli come vicini di casa. Chi continua a ripetere che bisognerebbe aiutarli “a casa loro” dice cose senza riflettere perché prima di essere “aiutati” andrebbero “liberati”, cosa molto più difficile e complessa anche perché nell’aiutare prima di liberare si rischia di aiutare qualcuno che prima o poi ci farà un gran culo. Termino con una riflessione un po' più complessa e che non può finire nel calderone dell’anti-immigrazione.

La domanda che mi pongo è:”La religione cristiana è compatibile con i miei valori?” La risposta è assolutamente no, non lo è di più di quella islamica. La religione Cristiana mi è più tollerabile per il solo fatto di aver subito un tasso di secolarizzazione maggiore di quella islamica ed ha un'influenza minore o meno grossolana sui suoi adepti. L’ultima domanda è:”Tutto questo fa di me un intollerante?” Anche se sembra una sfumatura da sofista mi ritengo un “inadeguabile” nel senso che non mi adeguo e cerco di cambiare ma non mollo e persevero, quindi almeno superficialmente tollero.





Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Informativa estesaAccetto