Dalla devozione e il misticismo al benessere e la cura del corpo.
Alcune delle mille facce dell’India

Non ci sono parole per descriverla, non ci sono libri, foto, film che possano preparare all’impatto con questo meraviglioso e sconvolgente paese, ma una cosa è certa: ve lo ricorderete per sempre e alla fine del viaggio ciò che vi aveva scioccato sarà diventato normale e l’incredibile India sarà entrata nel vostro cuore.

Il Viaggio inizia in modo forse scioccante, nella folla di Calcutta, città pregna di spiritualità, città di Madre Teresa, la Santa che ha trascorso la sua vita a prendersi cura dei poveri e malati di Calcutta. Passeremo dell’Ashram di Ramakrishna, uno tra i più rilevanti Santi indiani, al Kalighat, tempio che ha dato il nome alla città e uno dei più visitati templi di Kali, per poi andare a Belur Math ovvero l’Ashram fondata da Vivekananda, il più importante discepolo di Ramakrishna ed anche il primo Yogi che ha ufficialmente viaggiato per i paesi occidentali con l’intento di far conoscere la cultura e la spiritualità Yogica.

E da Calcutta partiremo, in treno, per affrontare un piccolo tour assolutamente fuori da ogni rotta turistica. Accompagnati da Partha Paitandi, un Bramino nato e vissuto in questi luoghi che ci porterà alla scoperta di Tara Pith, centro importantissimo per la tradizione Tantrica induista in cui, oltre al tempio principale, dedicato a Tara in uno dei suoi aspetti più terrificanti, vi è campo di cremazione vicino al fiume dove vivono e praticano molti Sadhu di tradizione Tantrica. Ci sposteremo poi a Bacreswar, piccolo paese delle campagne Bengalesi, per una breve sosta che ci consentirà di toccare con mano la semplice vita indiana. In serata vedremo uno spettacolo di musica Baul. I Baul del Bengala sono cantanti mistici che conservano una delle più antiche e affascinanti tradizioni dell'India. Nati dell'incontro tra diverse espressioni religiose consacrano la loro esistenza alla danza, alla musica e al canto che diventano il veicolo per esprimere la gioia interiore, la fratellanza universale, la scoperta del Divino all'interno del cuore di ogni uomo.

Ritornati a Calcutta, ci trasferiremo in volo all’estremo sud del paese per raggiungere il dolce Kerala, e trascorrere qualche giorno all’insegna del benessere in un centro Ayurvedico (medicina tradizionale indiana) a Varkala, al Kerala Bamboo House (http://keralabamboohouse.com) dove passeremo 4 giorni tra trattamenti e consulenze ayurvediche, lezioni di yoga e prelibatezze della cucina del sud dell’india preparate secondo la tradizione ayurvedica.

Ed ecco che la spiaggia principale di questo luogo ci offrirà un altro dei contrasti incredibili dell’india: da un lato i turisti che sotto gli ombrelloni si godono il relax, dall’altra i sadhu e i pellegrini indù che si bagnano in queste acque perché le considerano purificatrici dei peccati dell’anima, Papanasam Beach (Papam: peccato, Nasam: distruzione). 

Se poi volessimo allontanarci per una passeggiata, potremmo trovare spiagge incontaminate, un tempio di Vishnu antico di 2000 anni che ogni mattina inizia la puja con cannonate e canti che invadono il villaggio con il loro suono caratteristico.

Raggiungeremo poi, in treno, per una giornata, l’estrema punta dell’india, Kanyakumari, nel punto dove tre oceani si incontrano: Golfo del Bengala, l'Oceano Indiano e Arabo. E dove un raro evento naturale avviene ogni giorno: il sole che sorge e tramonta sul mare e, a luna piena, è possibile vivere l'esperienza unica di vedere il sole e la luna che sorgono sul mare contemporaneamente. Meta di pellegrinaggio di grande importanza per gli Indù, è dedicato alla dea Kanyakumari , “giovane vergine”, incarnazione di Devi, moglie di Shiva. 

Da vedere: il tempio di Kanyakumari, il memoriale di Vivekananda sull’ isola rocciosa, a 500 metri a largo, raggiungibile con un traghetto, la statua di Thiruvalluvar e il memoriale di Gandhi, che si affaccia sui tre oceani, luogo scelto da Ghandi stesso per la contemplazione; luogo da cui furono disperse le sue ceneri. 

Gli ultimi giorni li trascorreremo perdendoci nei mercati affollatissimi di Delhi dove potremmo visitare il Forte Rosso, la moschea Jama Masjid in Old Delhi, partecipare alla puja serale e alla cena al tempio Hari Krisna, per poi immergerci ancora per qualche momento nel traffico e nelle folle indiane per poi rientrare in Italia.

E appena scesi dall’aereo già ci mancheranno gli odori, i colori, il traffico, gli occhi, e i sorrisi di quell’incredibile India!!!

foto india


Costi

Il costo è fissato a 1250 Euro a persona e comprende:

  • - Tutti i pernottamenti con sistemazione in camera doppia*
  • - Tre voli interni (Delhi-Calcutta, Calcutta-Trivandrum e Trivandrum Delhi)
  • - Tutti gli altri trasferimenti non locali ovvero treni e navette tra una località e l’altra che fanno parte dell’itinerario.
  • - Durante le giornate al centro Ayurvedico sono compresi nel prezzo anche i pasti, le lezioni di Yoga ed un massaggio Ayurvedico al giorno.

Il costo non comprende tutti i trasporti locali o altre destinazioni al di fuori dell’itinerario ed i pasti fuori dal centro Ayurvedico

Il costo non comprende il volo di andata e ritorno dall’Italia. Tale volo ha un prezzo che varia tra i 550 Euro ed i 1000 a seconda di quando lo si prenota.
Più grande sarà l’anticipo con cui si prenota il volo, migliore potrà essere il prezzo.
Se desiderate viaggiare con l’accompagnatrice, Hari-om può occuparsi della prenotazione del volo, tramite l’Agenzia del CTS di Alessandria.
Sempre tramite il CTS è possibile ottenere il visto necessario per l’ingresso in India. Tramite il CTS è possibile inoltre sottoscrivere un’assicurazione, altrimenti stipulabile anche separatamente.
Al momento della sottoscrizione saremo in grado di fornirvi indicazioni più precise sul prezzo del biglietto.

A chi decide di fare il viaggio di andata e ritorno tra Italia ed India in modo autonomo o per chi arriva da un paese diverso dall’Italia verrà comunicato l’orario di ritrovo all’Aeroporto di Delhi luogo dal quale si prenderà il primo volo interno per Calcutta, dando così inizio al viaggio.

*La notte in Ashram a Bakreshvar è compresa ma non si può dare assicurazioni sulla tipologia della camera

Accompagnatori

Luca Merlo e Partha Paitandi.  

Partha vive a Bakreshvar nel West Bengal dove svolge attività come Bramino del tempio. Parla correntemente l’inglese,l’Indi ed il Bengoli. Adora l’Italia e gli italiani con particolare predilezione per Pirlo e Balotelli.

Itinerario e date

5 Gennaio:  Arrivo a Delhi, volo Dehli Calcutta. Pernottamento a Calcutta
6 Gennaio:  Visita all’Ashram di Ananda Mayi Maa e di Ramakrishna e pernottamento a Calcutta
7 Gennaio:  Visita al kalighat e Madre Teresa pernottamento a Calcutta
8 Gennaio:  In mattinata treno per Rampur Hat e trasferimento a Tara Pith con pernottamento a Tara Pith.
9 Gennaio:  Tara Pith visita al tempio
10 Gennaio: Trasferimento per Bakreshwar e pernotto a Bakreswar
11 Gennaio: Bakreswar visita al tempio. Tardo pomeriggio Calcutta
12 Gennaio: Volo per Trivandrum e trasferimento al centro Ayurvedico con pernottamento
13-14-15 Gennaio: Soggiorno al centro Ayurvedico con trattamenti Ayurvedici, visita Ayurvedica e lezioni di yoga
16 Gennaio: Trasferimento a Kanyakumari, visita della città e pernottamento in città
17 Gennaio: Trasferimento a Trivandrum e Volo per Delhi
18 Gennaio: Templi e shopping a Delhi
19 Gennaio: Templi e shopping a Delhi, possibile visita in giornata al Taj Mahal
20 Gennaio: Rientro in Italia.





Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Informativa estesaAccetto