Oggi è il primo giorno della nostra apertura invernale e sono contento di iniziare questa nuova avventura con un gruppo di iscritti al Training 200 ore di numero superiore rispetto agli anni precedenti.

Ci avviciniamo alla fine dell’anno e tante cose giustamente cambiano e mutano. Per un pò ho avuto il piacere di scrivere di ciò che mi andava, usando questo spazio all’interno dei social della scuola ma questa è l’ultima “uscita”.

Leggi tutto...

La domanda fondamentale è: "Come può un uomo (nel senso di genere maschio) difendersi quando il suo libero arbitrio è messo in continua discussione dalle armi dell’avvenenza femminile?"

Il libero dibattito su questo argomento imperversa ormai da tempo ed in questi giorni si è ulteriormente acceso per gli avvenimenti attuali. In Italia si dovrebbe votare una legge mentre nel mondo abbiamo tanti esempi di approccio differente ed ognuno con la sua logica più o meno condivisibile.

Leggi tutto...

Non vorrei essere da nessuna altra parte, vivo dentro a quell’ora con i piedi ghiacciati e me la godo.

È lunedì sera. Sono a fare lezione nella palestra comunale del paesino di montagna dove insegno yoga. Palestra enorme, riscaldamento ad aria con efficienza pari a zero. Ci sono 12 gradi. Qualcuno ha il paraorecchie da sci e qualcuno invece ha i pantaloncini corti.

Leggi tutto...

Se preferite il ritiro, l'astensione e il fastidio vi sono ancora posti liberi nelle grotte di montagna, ma tenente conto che alcuni di coloro che hanno fatto questa scelta sono stati visti nudi ad inseguir mufloni.

Premetto che non scrivo da un pulpito lontano ma quello che leggete è frutto di esperienza personale, ascolto ed osservazione attenta. Buona parte delle religioni ma anche alcune discipline e filosofie orientali predicano l’astensione coadiuvata da una generica distanza dai sensi. Non nego che per pochissimi questa cosa possa avere un senso e creare un piccolo angolo di pace ed equilibrio. Tranne però questi rarissimi casi questa tendenza crea depravazione e malattia mentale.

Leggi tutto...

Sia chiaro, la povertà non è una sfiga ma una malattia, di cui siete i primi responsabili e va assolutamente curata.

L'argomento non viene mai discusso molto durante i seminari di Yoga, anche se l'afflusso e il deflusso di denaro sono tanto un aspetto cruciale del vivere bene e in armonia quanto lo studio del Sutra di Patanjali, della Gita e della buona energia che fluisce attraverso Mudra e Pranayama.

Leggi tutto...



Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Informativa estesaAccetto